Holy water

In Holy water sono protagonisti i due passaggi del ciclo dell'acqua, liquido e solido, mentre quello gassoso, l'intermedio, è stato evitato per analizzare, e palesare, i due punti estremi con cui l'uomo può maggiormente interagire, fisicamente e "spiritualmente". E' stato scelto di affrontare l'elemento naturale tramite la mediazione dello sport perché, in chiave non competitiva, si è ritenuto che potesse meglio esprimere il costante senso di sfida e unione tra uomo e natura, e in fine la sua sola ed unica possibilità di ritrovarsi in essa, privandosi (e privandola) di qualunque accezione benevola o malevola. In una sorta di danza sinuosa, dal ritmo lento e incalzante come la recita di un salmo, l'elemento naturale e l'uomo che vi interagisce si fondono, dando vita ad una corporeità sola. Il video presentato è il primo capitolo, "l'acqua", a cui seguiranno i restanti elementi, lasciando per ultimo la "luce".




torna indietro